Cerca nel blog

mercoledì 10 aprile 2013

Dal web - animali in condominio -Meglio assicurarli prima del 18 giugno.

http://www.condominioweb.com/condominio/articolo1400.ashx

Ivan Meo, consulente giuridico
L’altra faccia della medaglia. Mancano solo una paio di mesi. La nuova legge di riforma sul condominio, all’art.1138 del codice civile, dispone che "le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici". Sicuramente la norma rappresenta un passo in avanti nei confronti dei diritti degli animali e dei rispettivi proprietari, ma apre la porta anche ad una serie di problemi strettamente connessi alla detenzione dei medesimi all’interno di spazi comuni e proprietà esclusive.

-Ordinanze del Ministero. Una prima ordinanza, la n° 9/2004, introdusse l’obbligo per i proprietari di 17 razze canine, considerate pericolose, di dotarsi obbligatoriamente di un assicurazione per cani.

-Articolo 2052 del codice civile. La norma stabilisce che il proprietario di un animale, o chi se ne occupa, ne è responsabile per la legge per gli eventuali danni provocati dal suo animale. Se sprovvisti di una specifica assicurazione per cani, si risponde personalmente dei danni.

-Anagrafe canina. Si tratta di un registro nazionale alimentata dalle singole anagrafe territoriali, che intende fornire i riferimenti utili per rintracciare il luogo di registrazione degli animali  e il loro legittimo proprietario, nel rispetto della tutela della privacy del cittadino.

-Quanto mi costa? In Italia ad oggi solo il 10% dei possessori di animali domestici risultano aver stipulato una polizza assicurativa. Con l'introduzione della nuova legge questa nuova voce di spesa, sarà inserita nel budget familiare. Quindi avere dei cani e gatti in condominio avrà inevitabili ricadute anche di carattere economico. Diverse assicurazioni, hanno nel loro portafoglio, questa tipologia di contratto. Le “polizze cane” hanno diversi costi a seconda della razza da assicurare. Nonostante la legge non preveda una lista nera che indichi l'obbligatorietà di stipulare una polizza assicurazione per certe razze, in certi casi esiste una oggettiva maggiore pericolosità dovuta alla natura aggressiva di alcune razze. Per tali motivi qualche assicurazione applica delle tariffe diverse o applica dei limiti di qualche tipo. Alcune compagnie non stipulano polizze per particolari razze considerate “pericolose”. In merito alle tariffe si parte da 30/ 40 euro all'anno fino a 100,00 euro che contengono anche la copertura veterinaria e la tutela legale.

Posta un commento